Tipi di diabete


Il modo migliore per comprendere il diabete è avere un’idea di come funziona il corpo e di cosa cambia nelle persone affette da tale patologia. Una volta appresi i meccanismi di funzionamento del diabete, è più semplice comprendere come nascono e si sviluppano le complicanze ad esso legate, e perchè l’insulina e il monitoraggio del glucosio (lo zucchero nel sangue) sono così importanti. 

Il primo passo è comprendere come il corpo converte il cibo in energia di cui abbiamo bisogno per vivere. Durante la digestione il corpo converte il cibo in tre grandi categorie di elementi:

  • Proteine (che si trovano ad esempio nella carne, nel pesce, nelle uova)
  • Grassi (che si trovano ad esempio negli oli vegetali, nella carne, nei formaggi)
  • Carboidrati (anche conosciuti come amidi o zuccheri; si trovano nel pane, nella pasta, nella frutta e nella verdura). 

I carboidrati vengono poi convertiti in glucosio, che è il carburante per l’energia del corpo. Il glucosio, per poter raggiungere e nutrire le cellule, ha bisogno di un ormone chiamato insulina.

Il diabete è una patologia legata a una disfunzione nella produzione o nell’uso dell’insulina.

  • Nel diabete di tipo 1, il corpo produce poca insulina o non ne produce.
  • Nel diabete di tipo 2, nel diabete gestazionale e negli altri tipi di diabete, il corpo non è in grado di produrre abbastanza insulina o non riesce ad utilizzare quella che produce (Insulino-resistenza).

Se l’insulina non viene utilizzata correttamente, il glucosio non può raggiungere e nutrire le cellule e rimane nel flusso sanguigno. Il corpo cerca di espellere tale eccesso di zucchero nel sangue attraverso le urine.

  • Gli individui affetti da diabete di tipo 1 rischiano di sviluppare chetoacidosi diabetica (grave abbassamento del pH nel sangue) se non trattati adeguatamente.
  • Nel diabete di tipo 2 e negli altri casi, la patologia non trattata può avere effetti negativi sulla salute, portando a gravi complicazioni. Per questo molte persone affette da diabete di tipo 2, quando ricevono la diagnosi, convivono già con alcuni disturbi legati al diabete.


Edit Page >>