Disturbi renali


I reni filtrano i materiali di scarto del sangue. Il filtraggio avviene tramite piccole strutture (chiamate glomeruli) che sono simili ai vasi sanguigni. Nei reni sani, i glomeruli filtrano i materiali di scarto del sangue ma trattengono le proteine nel corpo, che vengono usate per mantenerlo in salute. Il sangue filtrato lascia i reni e ritorna nel flusso sanguigno.

Un alto livello di glucosio e un’alta pressione sanguigna possono danneggiare i glomeruli. Se danneggiati, essi non possono filtrare come dovrebbero e quindi le proteine fuoriescono dai reni e vanno nelle urine. Se non trattate, una grande quantità di proteine viene persa nelle urine. Alla fine, i reni sono così danneggiati che smettono di funzionare completamente.

I danni ai reni del diabete avanzano così lentamente che è possibile non avvertire sintomi per molti anni. Molti individui affetti da diabete di tipo 1 e di tipo 2 sviluppano questo disturbo, che è chiamato nefropatia diabetica.

Prevenzione e cura

Si può evitare i disturbi renali o rallentare la loro progressione tenendo sotto controllo il livello di glucosio e la pressione sanguigna. Il medico dovrebbe controllare i segni di un esordio di disturbo renale, attraverso un test che misuri l’eccesso di proteine nelle urine, chiamato microalbuminurea.

Se si ha un’alta pressione sanguigna, il medico, o un nefrologo (uno specialista dei reni), può prescrivere degli inibitori ACE o altre medicine simili per controllare la pressione e prevenire danni futuri. Se il livello di proteine nelle urine è basso, si può anche optare per una dieta a basso contenuto proteico.

Se i reni smettono di funzionare, il nefrologo scieglierà tra tre possibili trattamenti:

  • Emodialisi. In questo processo, il sangue scorre attraverso un tubo dal braccio verso una macchina che filtra il sangue. Successivamente il sangue filtrato viene reintrodotto nel braccio. L’emodialisi solitamente viene fatta in ambulatorio, e qualche volta a casa.
  • Dialisi peritoneale. Con questa tecnica, l’addome viene riempito con un fluido speciale. Il fluido raccoglie tutti gli scarti e l’acqua in eccesso nel sangue e viene poi drenato e scartato. Questo tipo di dialisi può essere effettuata a casa.
  • Trapianto di reni. Uno dei due reni danneggiati viene sostituito con uno sano appartenente a un membro della famiglia, un amico o uno sconosciuto. L’importante è che il nuovo rene sia compatibile con il proprio corpo.

    



Edit Page >>